di Pier Aldo Rovatti

 

Di fronte a ciò che sta accadendo – e il caso dei migranti eritrei bloccati d’autorità sulla “Diciotti” nel porto di Catania è solo l’ultimo clamoroso episodio – c’è davvero da chiedersi quanto l’etichetta di “razzismo” sia generica e superficiale. Se non si debba andare oltre, in modo da riuscire a dire qualcosa di più su un evento epocale che ci sta afferrando e che non ci leveremo di dosso tanto in fretta, accontentandoci di considerarci immuni da qualcosa – appunto il razzismo – che riteniamo roba passata e dunque improponibile.

Qualcuno ha cercato di rendere più penetrante la propria vista (vengono chiamati “afro-pessimisti”) e si è interrogato sul valore e sul significato da dare a parole come “vita”, “morte”, “esistenza”, “mondo” quando parliamo dei “neri” come un insieme unitario e indistinto. Più precisamente, l’espressione adoperata per caratterizzare questo insieme è “morti viventi”. Gli zombie attraversano non da oggi la letteratura e il cinema in qualità di rappresentazioni fantastiche dall’aspetto a un tempo divertente e angoscioso. E se simili ricorrenti fantasie avessero una solida base di realtà? Se fossero perfino un espediente per stornare da noi un pezzo non piccolo di noi stessi onde evitare un’inquietante collisione con il mondo oggettivo?

Ci sarebbe insomma da credere che domande come queste, ritenute finora assurde, stiano diventando giorno dopo giorno vere e quasi incalzanti. Il dubbio che esse fotografino la realtà effettiva si fa sempre più insistente e dunque è urgente che ci rendiamo conto di cosa possano significare e delle conseguenze che portano con sé. La questione non è certo piccola e qui basta limitarsi a qualche accenno senza scivolare troppo nella filosofia.

Non si tratta semplicemente di razza poiché in gioco è l’idea stessa di vita. Per noi, di solito, risultano normali l’affermazione e la difesa del diritto di vivere, ma con ciò subito affermiamo e difendiamo il fatto che la vita debba essere “umana”, cioè provvista di un mondo e di una socialità come quelli che ci siamo costruiti e nei quali ci siamo abituati a stare considerandoli il nostro habitat ormai naturale. Ma gli “altri”? Forse, con una spinta più moralistica che morale, vorremmo (o diciamo di volere) che diventassero come noi, o almeno una parte di loro, la migliore e più addomesticabile. Al fondo, però, li consideriamo esistenze perse, fin dall’inizio e immutabilmente, una zona amorfa nata già morta, irrecuperabile.

Neppure per un istante dubitiamo che questi esseri in definitiva mai davvero nati, privi di mondo, estranei alla socialità che ci appartiene, possano costituire il fondo da cui le nostre gloriose identità tentano di distinguersi in ogni modo, attraverso rimozioni e strappi, come se ciò facesse tutt’uno con il movimento ascendente della cosiddetta civiltà. E tanto meno siamo sfiorati dal dubbio che un movimento contrario, quello con cui discendessimo verso una simile odiosa origine dove la vita si confonderebbe con la morte, abbia qualche vantaggio o utilità per il nostro mondo del tutto assestato in un godimento globale di beni e benefit.

Perciò tracciamo un confine con questa “alterità” che sarebbe devastante per la vita piena che ciascuno di noi esige di vivere. Ed ecco allora emergere come fantasmi le “esistenze nere”, i “morti viventi”, i corpi senza mondo e senza società che noi vorremmo ricacciare sotto, con ogni mezzo. L’accoglienza a denti stretti nei casi migliori, il respingimento legalizzato, e giù fino alla violenza visibile (nella miriade di episodi delle cronache quotidiane), parteciperebbero tutti a un esorcismo di massa che stiamo praticando verso l’esercito di fantasmi che rischia di invadere le nostre menti, anche quelle di chi si dichiara estraneo a qualunque forma di razzismo.

Sono fantasmi mortiferi poiché ciascuno di loro minaccia l’ideologia della “buona vita” di cui stiamo nutrendoci con la ferrea dieta di chi non conosce un’alimentazione diversa e vede ovunque veleni per la propria salute, come se quella che chiamiamo “malattia” non covasse da sempre dentro di noi, anche se nessun medico o diagnosi vuole farcela vedere. Insomma, come se sbarrassimo gli occhi di fronte a ciò che pure siamo.

[pubblicato su "Il Piccolo", venerdì 31 agosto 2018]

Tagged with:
 

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>